Istishari Arab Hospital – Ramallah in Palestina

Cari Amici,

desidero, innanzi tutto, scusarmi per il nostro lungo silenzio dopo l’ultima missione condotta ad Amman nella settimana a cavallo tra Aprile e Maggio us. Purtroppo, come già scritto, l’aspetto organizzativo e finanziario del rapporto con lo Specialty Hospital è stato molto più complicato del previsto e a tutt’oggi non completamente risolto impedendoci, di fatto, di programmare una successiva missione e di mettere in dubbio il proseguimento del nostro programma ad Amman e di cui vi terremo, comunque, aggiornati!

Sono certo che ricorderete la mia visita del Gennaio us all’Istishari Arab Hospital di Ramallah in Palestina rispondendo all’invito del Dr Fathi Abumoghli, CEO di quell’ospedale, mirato ad esplorare la possibilità di avviare un programma di cooperazione con la nostra ONG. Il nostro interesse era legato alla possibilità di poter operare, oltre ai bambini del West Bank, quelli della striscia di Gaza. Tuttavia, a quel tempo, l’Istishari Arab Hospital era in attesa dell’autorizzazione da parte del Ministero della Sanità dell’Autorità Nazionale Palestinese per poter avviare un programma di cardiochirurgia pediatrica.

L’Istishari Arab Hospital è stato inaugurato nel Gennaio 2016 ed ha una capacità di 330 letti ed è dotato di tutte le specialità medico-chirurgiche più moderne. Comprende le Unità Operative più importanti per avviare un programma di cardiochirurgia pediatrica quali Neonatologia, Pediatria, Cardiologia ed Emodinamica, Terapia intensiva, Risonanza Nucleare Magnetica.

L’autorizzazione del Ministero della Sanità, prevista per lo scorso Aprile-Maggio,  è stata rilasciata soltanto una settimana fa e puntuale è arrivata una lettera del Dr Fathi Abumoghli con la richiesta di riprendere il rapporto con la nostra ONG pianificando, al più presto, una mia visita all’Istishari Hospital  che ho già prevista per l’ultima settimana di questo mese.

Al mio ritorno vi aggiornerò sulla possibile data della nostra prossima missione Palestinese.